Saakashvili, ‘prigioniero di Putin, sciopero della fame’ – Europa


L’ex presidente georgiano Mikhail Saakashvili, arrestato dopo essere rientrato in patria alla vigilia delle elezioni, ha pubblicato un appello su Facebook in cui annuncia lo sciopero della fame. “Amo la vita ma questo sciopero andrà avanti fino alla fine della mia vita”, ha dichiarato. In un altro post ha ringraziato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha promesso di voler ottenere la sua scarcerazione (Saakashvili ha la cittadinanza ucraina, ndr).
    “Di fatto sono un prigioniero personale di Putin e apprezzo molto la sua ferma posizione nel proteggere l’Ucraina, l’intera regione e tutti i prigionieri dell’impero”.    

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA